Faq

Se non ho accettato l’eredità sono tenuto al pagamento delle spese funerarie?

No. Il codice civile prevede all’art.752 che nella ripartizione dei debiti della persona defunta non concorrono i rinuncianti all’eredità in quanto queste restano obbligazioni esclusivamente in capo agli eredi.

Avvocato, vorrei avere la certezza di vincere la causa. E’possibile ?

Assolutamente NO! Ogni azione giudiziaria va valutata studiando gli elementi a disposizione. Non esistono avvocati che possano conoscere l’esito di una causa o di un processo. Un buon professionista è quello che si limita a fare unna valutazione delle possibilità dopo aver approfondito il caso utilizzando tutto quanto a sua disposizione.

Ho molti debiti soprattutto con Equitalia. Ho sentito parlare della procedura di esdebitazione. Di Cosa Si tratta? Posso Accedervi ?

La procedura di Esdebitazione è stata introdotta con la Legge n. 3/2012.
Attraverso tale procedura si mettono a disposizione dei consumatori diversi strumenti che permettono di comporre una crisi da sovra indebitamento attraverso un organismo o professionista abilitato. La procedura permette quindi di sanare le proprie posizioni debitorie, senza necessariamente ripagare interamente i propri debiti. Questo processo porta all’esdebitazione del consumatore che a quel punto potrà ripartire da zero, eliminando di fatto i problemi debitori emersi nel passato.
Per accedere al piano devono sussistere le seguenti condizioni:
• essere un soggetto escluso dalle procedure previste nella legge fallimentare;
• non aver già richiesto la procedura nei passati cinque anni;
• non aver subito risoluzione, revoca o cessazione degli effetti del piano;
• trovarsi in una situazione di sovraindebitamento;
• fornire documentazione che descriva accuratamente la situazione economica e patrimoniale.

Ogni ulteriore informazione potrà essere richiesta allo Studio Giammatteo mediante apposito Form Contatti oppure consultando il seguente Link

giammatteo_FAQ Faq

Sono separata con mio marito ma da qualche tempo stiamo dialogando di nuovo. Vorremo tornare assieme. Possiamo farlo o è necessario rivolgersi al Giudice ?

La sentenza di separazione giudiziale (o l’omologa del decreto di separazione consensuale) autorizza i coniugi a vivere separati. Non ne deriva impedimento ad una successiva riconciliazione. Tornare a vivere assieme è possibile senza alcuna preventiva formalità giudiziale.

Mi hanno citato come testimone in un processo penale contro mia figlia. Posso evitare di farlo ?

Il giorno di udienza dovrà comunque presentarsi in tribunale per partecipare al processo. Tuttavia, se non vuole rendere dichiarazioni contro sua figlia, potrà avvalersi della facoltà di non rispondere. E’ un diritto che il codice di procedura penale stabilisce per i parenti degli imputati. Sarà lo stesso giudice che al momento delle sue dichiarazioni l’avviserà di tale facoltà e le chiederà se vuole avvalersene.

Ho ricevuto un atto dal Tribunale. Vi è scritto avviso ex art. 415 bis. Di cosa si tratta ?

L’avviso che ha ricevuto è l’atto con cui il Pubblico Ministero l’avvisa che sono state svolte delle indagini a suo carico e che le stesse si sono concluse. Con tale atto, normalmente, viene anche nominato un difensore di ufficio. Inoltre con la ricezione di tale atto, l’indagato (persona destinataria dell’avviso), può nominare un proprio difensore di fiducia, può chiedere di essere interrogato dal P.M., può depositare una memoria difensiva e può visionare l’intero fascicolo processuale. Se ha ricevuto un tale atto è consigliabile rivolgersi ad un legale di fiducia per ogni opportuna valutazione. Infatti si tratta di un atto che anticipa un probabile giudizio penale e, entro i termini concessi (20 giorni), andranno prese importanti decisioni processuali.

Il mio datore di lavoro si rifiuta di consegnarmi le buste paga. Può farlo ?

Assolutamente NO. La Legge n.4 del 1953, impone ai datori di lavori l’obbligo da parte del datore di lavoro e contestualmente alla corresponsione della retribuzione, di consegnare la cosiddetta busta paga indicante tutti gli elementi utili alla ricostruzione dello stipendio dovuto. il mancato rispetto di tale norma, prevede a carico del datore di lavoro una sanzione pecuniaria da 125 a 770 euro.

Oggi, ho ricevuto una convocazione per l’assemblea condominiale per questa sera. E’ regolare ? Mi andava fatta con tempi più agevoli ?

Una recente riforma al diritto condominiale ha modificato di molto le regole per la convocazione dell’assemblea. Oggi, a norma del primo comma del nuovo articolo 66 delle disposizioni di attuazione del codice civile, infatti, l’avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell’ordine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l’adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l’indicazione del luogo e dell’ora della riunione. Come è facile notare sono state stabilite tempistiche e forme della convocazione. Inoltre sempre il medesimo articolo stabilisce che l’omessa convocazione nelle forme previste, comporterà sempre l’annullabilità della delibera .

Mi sono cacciato in un guaio. Ho bisogno di un avvocato. Devo raccontargli tutti i fatti o solo quelli che ritengo utili ?

Al proprio Avvocato si devono raccontare i fatti nel modo più esatto e completo possibile in modo che egli possa fornire la migliore strategia difensiva . Fatti raccontati in maniera frammentata e parziale si ripercuoteranno sicuramente sull’esito della causa. L’avvocato, dovrà comunque mantenere il segreto sui fatti appresi dal proprio cliente e potrà utilizzare tali informazioni solo per la difesa del proprio assistito.

Il mio avvocato mi ha chiesto di anticipare una somma per il Contributo Unificato. Di cosa si tratta ?

Il contributo unificato è un bollo posto a carico di chi inizia un giudizio civile o amministrativo. Lo stesso viene utilizzato dall’amministrazione della Giustizia quale contributo alle spese di giudizio. E’ a tutti gli effetti una tassa sulle cause civili e amministrative, che si paga all’inizio del procedimento mediante l’acquisto di un bollo che viene depositato con l’iscrizione a ruolo della causa. Tutte le cause civili ed amministrative sono gravate da tale imposta. Tuttavia, se chi iscrive la causa a ruolo ha un reddito basso, attraverso una procedura di ammissione al patrocinio a spese dello stato, potrà essere esentato dal pagamento. Il Contributo unificato è di importo variabile a seconda del tipo e del valore della causa.

Quanto tempo ho per sporgere una querela e denunciare un reato ?

Per i reati procedibili a querela di parte, il tempo massimo per sporgere querela è di 3 mesi dalla notizia del fatto. Per i reati procedibili di ufficio non vi è un termine massimo ma la querela si può sempre sporgere. In alcuni casi, come per esempio in ipotesi di reati di violenza sessuale ed atti sessuali con minorenne, il termine viene massimo è portato a sei mesi.

Quando ero sposata ho firmato, quale garante, per un finanziamento di mio marito. Ora che siamo divorziati, sono ancora tenuta a tale obbligo ?

La garanzia da lei prestata, è un contratto che lei ha firmato con la finanziaria che prescinde dal rapporto coniugale. Quindi anche dopo la separazione e dopo il divorzio l’obbligo persiste.

Devo presentare una denuncia è necessario un avvocato?

Nel nostro ordinamento processuale non è necessaria l’assistenza di un legale per presentare querela o denuncia alle autorità competenti.
La persona che si ritiene vittima di un reato può recarsi presso la Procura della Repubblica o presso un ufficio di polizia giudiziaria e sporgere denuncia o querela. Nel caso in cui la parte offesa volesse poi costituirsi parte civile nel processo, dovrà obbligatoriamente essere assistita da un legale di fiducia.

Mio padre è morto e mia madre ha sposato un altra persona. Un domani io sarò erede del mio nuovo padre ?

I figli di un precedente matrimonio sono eredi legittimi solo del proprio genitore e non concorrono nella eventuale successione del nuovo coniuge.

Abito in un piccolo condominio. Con gli altri abitanti abbiamo obbligo di nominare un amministratore ?

La norma è stata di recente riformata. Prima di tale riforma, l’art. 1129 del codice civile stabiliva che la nomina dell’amministratore si rendeva obbligatoria quando i condomini erano più di quattro. Oggi invece l’articolo 1129 stabilisce che l’assemblea dei condomini oppure il Tribunale se l’assemblea non vi provvede, nomina l’amministratore quando i condomini sono più di otto.

Devo decidere se accettare l’eredità di un mio parente o meno. Quanto tempo ho a disposizione ?

Il nostro codice civile stabilisce il termine massimo di dieci anni dalla data di apertura della successione per poter accettare o meno l’eredità.

E’ possibile ricevere dal vostro studio una consulenza legale online ?

La risposta è affermativa. Lo studio Legale Giammatteo offre un servizio di Consulenza Legale Online direttamente dalle pagine di questo sito. Attraverso la pagina contatti è possibile completare un apposito form con cui richiedere la consulenza allo studio. In breve tempo lo studio provvederà a rispondere e a dare corso a tutti gli adempimenti necessari.

Ho sentito parlare di “Riabilitazione”. Di cosa si tratta ?

In caso di condanna penale, trascorsi cinque anni dal giorno in cui la pena principale è stata eseguita o si è estinta, il condannato può chiedere al Tribunale di Sorveglianza la propria riabilitazione. La stessa viene concessa solo se, nei cinque anni trascorsi, il condannato abbia avuto una vita sociale all’insegna della “buona condotta” e solo se lo stesso ha adempiuto alle obbligazioni civili derivanti dal reato. Con la Riabilitazione si ha l’estinzione delle pene accessorie e di ogni altro effetto penale della condanna.

Sono separato. Non riesco più a passare l’assegno di mantenimento alla mia ex moglie. Posso chiedere una riduzione dell’importo ?

E’ previsto dalla legge. Nel momento in cui le condizioni economiche dei coniugi cambiano e l’obbligato non riesce più a fare fronte al pagamento, lo stesso può chiedere al giudice la modifica delle condizioni a suo tempo stabilite.

Ho ricevuto una notifica via PEC. In allegato ho trovato uno strano file con estensione .p7m. Non riesco ad aprirlo. Di cosa si tratta ?

L’estensione .p7m è tipica di un atto firmato digitalmente con un dispositivo di firma digitale. E’ lo standard con cui di producono, nel Processo Civile Telematico, gli atti da notificare. E’ possibile leggere tali file con PDF Reader oppure con un apposito lettore (ad esempio Dike) che, oltre che aprire e rendere leggibile il file, verifica anche la correttezza della firma digitale apposta.

Ho ricevuto via PEC un decreto ingiuntivo. E’ regolare tale notifica ? Posso fare opposizione ?

Le notifiche via PEC sono perfettamente valide e rientrano in un processo di informatizzazione della giustizia civile (PCT). In merito alla possibilità di fare opposizione la risposta è sicuramente affermativa e la stessa, va fatta, ove ne ricorrano i presupposti, nel termine di legge (normalmente di 40 gg, ma abbreviabili). Se non opposto il Decreto Ingiuntivo passa in giudicato, e assume la validità di un titolo esecutivo

Mi è arrivata una notifica che mi vede imputato in un processo penale. Ho notato che mi hanno nominato un avvocato di ufficio. Cosa significa ? Dovrò pagare l’avvocato di ufficio ?

Durante le indagini preliminari, non si è mai verificata l’occasione processuale per chiederle la nomina di un suo avvocato di fiducia. Per questo motivo, la procura, con la notifica dell’atto che ha ricevuto, le ha nominato un avvocato di ufficio. Ovviamente lo stesso andrà pagato per il lavoro che svolgerà ed anche in caso lei nomini un avvocato di fiducia, dovrà riconoscere a quello di ufficio le competenze per il lavoro che lo stesso ha svolto fino al momento della revoca e della nuova nomina di fiducia.

Un mio parente sordomuto è stato citato quale testimone in un processo penale. Come potrà rendere la sua testimonianza ?

Il codice di procedura penale vigente regola espressamente queste ipotesi. Nel caso del testimone sordomuto è previsto che le domande vengano fatte per iscritto ed in maniera analoga saranno fornite le relative risposte.

Lo studio Giammatteo gestisce pratiche con ammissione al Gratuito Patrocinio ?

Certamente, l’avv. Gianluca Giammatteo è regolarmente iscritto nell’elenco dei difensori per il patrocinio a spese dello stato tenuto dall’Ordine degli avvocati di Isernia.

""
1
Vuoi fare una domanda?
Nome
Domandainserisci una domanda, sarà nostra cura inserirla nelle FAQ del sito
0 /
Previous
Next